Portale Trasparenza Comune di Velletri - Autocertificazione

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

Autocertificazione

Responsabile di procedimento: Nigro Monica
Responsabile di provvedimento: Nanni Costa Maria

Descrizione

Con il termine generico di autocertificazione si intende la facoltà del cittadino di dichiarare, sotto la propria responsabilità, una serie di stati, fatti e qualità che sono certificati o attestati da una pubblica amministrazione (dichiarazioni sostitutive di certificazione). L’autocertificazione sostituisce una serie di certificati, puntualmente elencati dall’articolo 46 della L.445/2000.
L’autocertificazione deve essere accettata dalla Pubblica Amministrazione e dai gestori di pubblici servizi, senza necessità di autenticare la firma del dichiarante e può essere inviata, con allegata fotocopia di un documento di identità del firmatario, anche per fax.
Tutti i cittadini italiani e dell’Unione Europea hanno diritto all’autocertificazione.
I cittadini di stati non appartenenti all’Unione regolarmente soggiornanti in Italia, possono utilizzare le dichiarazioni sostitutive limitatamente agli stati, alle qualità personali ed ai fatti certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici italiani, fatte salve le speciali disposizioni contenute nelle leggi e nei regolamenti concernenti la disciplina dell’immigrazione e la condizione dello straniero.
Occorre ricordare che l’autocertificazione deve essere firmata dal cittadino maggiorenne interessato senza bolli e autentiche, può anche essere presentata da altra persona che non sia il cittadino interessato o spedita ed ha la stessa validità del certificato che sostituisce.

  • data e luogo di nascita;
  • residenza;
  • cittadinanza;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero;
  • stato di famiglia;
  • esistenza in vita;
  • nascita del figlio, decesso del coniuge, dell’ascendente o del discendente;
  • iscrizione in albi, in elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni;
  • appartenenza a ordini professionali;
  • titolo di studio, esami sostenuti;
  • qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, abilitazione, formazione, aggiornamento e qualifica tecnica;
  • situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;
  • assolvimento di specifici obblighi contributivi con l’indicazione dell’ammontare corrisposto;
  • possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell’archivio dell’anagrafe tributaria;
  • stato di disoccupazione;
  • qualità di pensionato e categoria di pensione;
  • qualità di studente;
  • qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili;
  • iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo;
  • tutte le situazioni relative all’adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio;
  • di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario e/o sottoposto a provvedimenti penali, civili e amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa;
  • qualità di vivenza a carico ai fini fiscali;
  • di non trovarsi nello stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato;
  • tutti i dati a diretta conoscenza dell’interessato contenuti nei registri dello stato civile.

 

Le autocertificazioni possono essere sottoscritte dall’interessato:
in presenza del personale allo sportello dell’ente richiedente;
inviate tramite fax o servizio postale all’ente richiedente, con allegata fotocopia della Carta di identità.

Le irregolarità o le omissioni emerse dal controllo delle dichiarazioni rilasciate, se non costituiscono falsità, comportano la sospensione del procedimento, per il quale la dichiarazione è stata fornita, fino alla loro rettifica o integrazione.
La non veridicità delle dichiarazioni rilasciate dal cittadino produce l’immediato decadimento dei benefici conseguiti e l’applicazione delle sanzioni penali previste dalla Legge.
Non è consentito sostituire mediante l’autocertificazione i seguenti documenti:

  • certificati medici, sanitari e veterinari;
  • attestati di origine e conformità;
  • marchi e brevetti.
     

Chi contattare

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no

Costi per l'utenza

Nessuno

Riferimenti normativi

46 della L.445/2000

legge 183/2011

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: 0
Contenuto inserito il 12-11-2013 aggiornato al 08-10-2018
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza Cesare Ottaviano Augusto, 1 - 00049 Velletri (RM)
PEC protocollo@pec.comune.velletri.rm.it
Centralino +39.06.961581
P. IVA 01493120586
Linee guida di design per i servizi web della PA
Il progetto Portale della trasparenza sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it